SCC su tubo

La prova di SCC (Stress Corrosion Cracking) intende valutare la suscettibilità dei materiali metallici alla criccatura indotta dall’azione combinata di trazione e corrosione in soluzioni contenenti acido solfidrico (H2S) e in condizioni di elevata temperatura  e pressione.  Il test viene generalmente effettuato in accordo allo standard NACE TM0177; la prova richiede l’utilizzo di un’autoclave in grado di resistere alla corrosione e dotata di strumenti per misurare la pressione e la temperatura della soluzione acida, di un condensatore e di altri accessori.

Il fenomeno definito Stress Corrosion Cracking coinvolge soprattutto il settore petrolchimico, il quale richiede l’utilizzo di materiali resistenti a sforzi meccanici e operanti in ambienti acidi ad elevata temperatura.

Occorre ricordare che il comportamento dei materiali metallici in presenza di H2S viene normalmente indagato dal test di resistenza a SSC (Sulfide Stress Cracking), effettuato a temperatura ambiente; tuttavia, il fenomeno di criccatura sotto sforzo indotta da idrogeno risulta condizionato, per gran parte dei materiali, dalla temperatura d’esercizio.

 

  • NACE TM 0177-16 (accreditato, eccetto metodo D)
  • NACE TM 0177-16 Met. B + ASTM G39-99 (2016) (accreditato)

Invia la tua richiesta
  • Nome e Cognome*
    0
  • Azienda*
    1
  • Email*
    2
  • Testo*
    3
  • Food*you like
    Autorizzo il trattamento dei miei dati personali, ai sensi dell'art. 13 del D.Lgs. 196 del 30 Giugno 2003.
    4
  • 5